Pista e strada, che passione

Ciclismo: è iniziata in Australia la stagione 2006 nel segno di McEwen


Con il tempo d'1h 01'06", Robin McEwen s'è aggiudicato il prologo di Adelaide al Tour Down. Al termine dei 50 Km in programma, l'australiano ha dominato la coppia dei velocisti italiani Colli e Cadamuro.

Ordine di arrivo e classifica:

1. Robbie McEwen (AUS/Davitamon) en 1 h 01'06"
2. Daniele Colli (ITA) S.T.
3. Simone Cadamuro (ITA) S.T.
4. Dimitri De Fauw (BEL) S.T.
5. Allan Davis (AUS) S.T.


Cliccate sulle testate per andare alle pagine per materia

Home
About Me
Rename Me!
About Us
Contact Info
Family
Resources & Links
Calendar & Events

Fun Stuff
Friends
Scriveteci le vostre opinioni di sportEmail me!

Vi interessa? cliccate sul logo


Il Club Ciclistico Cremonese 1891 già pensa alla gara più importante dell'anno

Anche Ivan Quaranta al Circuito del Porto?


Ivan Quaranta tra Gagliardi e Fulvio feraboli prima della partenza del "Porto" di dieci anni fa

Si correrà domenica 7 maggio la quarantesima edizione del Circuito del Porto e già si sta lavorando, in seno al CCC 1981 per questo avvenimento che, insieme all'arrivo di tappa del Giro d'Italia, costituirà l'avvenimento principale della stagione agonistica sulle due ruote per Cremona.

Da ormai qualche anno, a parte la parentesi della grande e sfortunata parentesi offerta da Garbelli tre anni fa, i corridori cremonesi non sono più in grado di lottare per questo traguardo, ma stavolta potrebbe verificarsi la svolta se veramente al via potrà presentarsi Ivan Quaranta.

Il velocista cremasco s'è infatti accasato quest'anno con la Universal Caffè, squadra professionistica di seconda fascia, quindi non appartenente al Pro Tour e che potrà quindi schierarsi al via nelle gare open, come appunto il Circuito del Porto. E' chiaro che Ivan, al quale il "Porto" sfuggì dieci anni fa in una giornata di tregenda, sotto un diluvio che non diede pace ai corridori per un solo minuto e che vide l'arrivo solitario del bresciano Bonetti, cercherà di non lasciarsi sfuggire l'occasione per scrivere il proprio nome sull'Albo d'Oro della corsa più importante della provincia, seppure a distanza di un decennio dal primo tentativo.

E in corsa potrebbero esserci anche altri ragazzi di casa nostra, a partire da Jacopo Guarnieri che di Quaranta, anche se con caratteristiche diverse, soprattutto di mentalità e di attaccamento al mestiere, è l'erede designato per quanto riguarda la velocità in casa nostra, per arrivare a Devid Garbelli, probabilmente alla sua ultima stagione di corsa (se non troverà una squadra professionistica disposta ad accoglierlo nelle sue file, probabilmente appenderà la bici al classico chiodo).

Una notizia che invece non farà piacere agli appassionati è quella della definitiva rinuncia all'attività di Corrado Serina, lo scudiero più fido di Ivan Quaranta negli ultimi anni. Corrado non ha trovato un ingaggio per il 2006 e nonostante l'età ancor giovane (compirà 31 anni il 24 aprile) si è visto costretto a lasciare lo sport attivo. Serina, come si ricorderà era professionista dal 2000 e come tale ha ottenuto una vittoria nella prima tappa della Vuelta Castilla y Leon nel 2003.

Nella foto: Corrado Serina con la sua ultima maglia, quella della Tenax


Sei Giorni di Brema

Guidano Fulst-Lampater. Villa, con Zabel, è quinto


BREMA (Germania)- Dopo la prima giornata, la coppia tedesca formata da Guido Fulst e Leif Lampaterè al comando della Sei Giorni di Brema. Con 67 punti, precede di 12 lunghezze gli olandesi Slippens-Stam e 21 i tedeschi Bartko-Beikrich. Marco Villa, che gareggia con il tedesco Erik Zabel, è 5° a un giro.


Per ritornare alla prima pagina de "Il Vascello" cliccate sulla testata qui sotto



La pagina è aggiornata alle ore 13:28:45 di
Mar, 17 gen 2006